Categorie
Ultime Notizie

Disseminava wurstel imbottiti di chiodi per far male agli animali

I CC della Stazione di piazza Verga Catania dopo numerose segnalazioni di cittadini hanno identificato e denunciato un 61enne. I wurstel sono stati rinvenuti in diverse zone del centro cittadino, nelle aiuole e sui marciapiedi

Nei giorni scorsi, su delega della Procura Distrettuale, i Carabinieri della Stazione di Piazza Verga Catania hanno eseguito un decreto di perquisizione nei confronti di un 61nne del luogo che dall’analisi dei sistemi di videosorveglianza della zona lasciava cadere fugacemente dalle mani un pezzo di wurstel.

LE INDAGINI

Il provvedimento scaturisce nell’ambito di una attività di indagine condotta dai militari dell’Arma dopo che, negli ultimi mesi, avevano raccolto numerose segnalazioni e varie denunce da parte di proprietari di cani, commercianti e semplici cittadini, i quali avevano rinvenuto nelle aiuole o sui marciapiedi di corso Italia, piazza Verga, largo Bordighera, via Vittorio Veneto e corso delle Provincie alcuni pericolosissimi pezzi di wurstel imbottiti di fili di ferro, ami e graffette destinati a far del male ai cani portati a spasso dai loro proprietari nonché pure a randagi e qualsiasi altro animale, pure volatile, avesse inghiottito i bocconi.

I Carabinieri, dopo aver chiesto ed ottenuto la collaborazione fattiva e proficua di commercianti e cittadini, si sono dedicati minuziosamente all’analisi di numerosi sistemi di videosorveglianza della zona sino a trovare la telecamera giusta che aveva effettivamente immortalato due episodi in cui un uomo, di circa 60 anni, mentre passeggiava su via Vittorio Veneto, avrebbe lasciato cadere fugacemente dalle mani un pezzo di wurstel vicino ad una aiuola. In uno di questi casi, per giunta, il “gustoso” ma pericoloso bocconcino era stato ingerito da un cane di piccola taglia al guinzaglio. Lo stesso, dopo giorni di malessere era riuscito a espellere i pezzi di ferro contenuti nel wurstel, senza purtroppo evitare che gli cagionassero piccole lesioni nelle pareti intestinali.

Delineato il profilo del presunto responsabile, i Carabinieri hanno quindi svolto una serie di servizi sul territorio fino ad incrociare ed identificare l’uomo mentre era tranquillamente seduto su una panchina di Piazza Verga. La successiva perquisizione domiciliare ha consentito di rinvenire nella sua abitazione il materiale ferroso verosimilmente utilizzato per rendere letali i pezzi di wurstel e l’abbigliamento indossato negli episodi ripresi dalle videocamere.

I militari dell’Arma stanno svolgendo ulteriori accertamenti al fine di appurare le ragioni alla base delle gravi condotte poste in essere dal presunto autore del reato.

L’OPINIONE

Solo ieri scrivevamo di uno sconvolgente episodio nei confronti di un pony trascinato per tre chilometri legato ad un’auto e poi abbandonato nella notte agonizzante sul ciglio della strada tanto che seppure soccorso la mattina dopo dai veterinari dell’Asp si è dovuto sopprimere per evitare ulteriori sofferenze. Nell’articolo si richiamavano altri fatti che in passato hanno visto vittime gli animali.

Ci sono di tutta evidenza sempre più persone – si ritiene persino impensabili o insospettabili – che hanno problematiche psicologiche e sociologiche. Sarebbe opportuno, in una società civile, che venga disposta con urgenza una legge quadro affinché tali situazioni, individuali e a volte pure collettive in una famiglia o comunità, vengano efficacemente studiate, valutate e in qualche modo prevenute per aiutare i soggetti.

Adduso Sebastiano

(le altre informazioni regionali le trovi anche su Vivicentro – Redazione Sicilia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Total
22
Share