ULTIME NOTIZIE VIVICENTRO

5 arresti ai domiciliari: per detenzione armi e cartucce; allaccio abusivo alla pubblica energia elettrica

LICATA (AG), 5 PERSONE ARRESTATE NELL’AMBITO DI UN SERVIZIO COORDINATO DEI CARABINIERI.

Nella mattinata di ieri, 12 maggio 2022, 60 i Carabinieri della Compagnia di Licata (AG), unitamente a quelli dello Squadrone Eliportato Cacciatori Sicilia, dei Nuclei Carabinieri Cinofili di Palermo e Nicolosi (CT), del Nucleo Elicotteri di Palermo e di personale verificatore dell’Enel, hanno eseguito decine di perquisizioni e controlli domiciliari in diversi quartieri degradati della città.

Nell’ambito delle operazioni, durante una perquisizione presso l’abitazione di A.A., 35 arrestato domiciliare licatese, è stata rinvenuta una pistola detenzione illegale di pistola clandestina 7,65 con relative 58 cartucce, nonché materiale da taglio ancora intriso di sostanza stupefacente. L’uomo è stato arrestato e il materiale rinvenuto sequestrato in attesa delle analisi del caso.

Inoltre, nell’ambito delle altre perquisizioni effettuate, sono state tratte in arresto altre 4 persone del posto per furto di elettrica: L.S. 30enne, G.M.A. 24enne, B.V. 39enne e A.C. 51enne. Questi ultimi avevano applicato nei primi tre casi un bypass sul contatore e nell’ultimo un allaccio diretto alla rete pubblica. Il danno quantificato è stimato in circa 20.000 euro.

Nell’ambito del servizio sono stati sequestrati 6 veicoli privi di copertura assicurativa e segnalati alla Prefettura 2 giovani del posto, L.J. 26enne e L.N. 29enne in quanto in possesso di alcuni grammi di hashish, immediatamente posti sotto sequestro.

Tutti gli arrestati sono stati tradotti presso le proprie abitazioni in regime di arresti domiciliari come disposto dalla Procura della Repubblica di Agrigento.

CAMPOBELLO DI LICATA (AG), CARABINIERI SEQUESTRANO AREA ABUSIVA ADIBITA AL PRELIEVO DI ACQUA.

Nella mattinata dell’11 maggio 2022, i Carabinieri della Compagnia di Licata, all’esito di un controllo eseguito con il supporto tecnico di personale dell’Agenzia Regionale per la protezione dell’Ambiente, dell’A.I.C.A. e del Genio Civile di Agrigento, hanno posto sotto sequestro preventivo un’area fabbricata abusiva di 350 mq sita a ridosso di via Allende a Campobello di Licata, adibita al prelievo di acqua. Tale prelievo si materializzava attraverso un pozzo artesiano autorizzato al prelievo di acqua per uso domestico, il cui contatore volumetrico era stato tuttavia manomesso ad arte.

Nell’ambito del controllo sono stati altresì prelevati alcuni campioni di acqua che verranno analizzati per verificarne il tasso di inquinamento. Al termine delle operazioni il proprietario, D.C. 68enne del posto, è stato deferito alla Procura della Repubblica di Agrigento per il reato di intervento eseguito in assenza di permesso a costruire.

Adduso Sebastiano

(le altre informazioni regionali le trovi anche su Vivicentro – Redazione Sicilia)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime News

Arrestati due uomini e una donna responsabili delle spaccate nei negozi

I Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Siracusa hanno arrestato al termine delle indagini, su Ordinanza di Custodia Cautelare, emessa dal GIP del Tribunale di Siracusa su richiesta della locale Procura della Repubblica, 3 soggetti che nelle ultime due settimane avevano preso di mira i commercianti di Siracusa consumando furti con “spaccata” ai danni di diverse attività. Gli arrestati, 2 uomini di 30 anni e una donna di 25 incinta, tutti pregiudicati

Due rapine e quattro tentativi: in carcere 2 giovani

I Carabinieri della Compagnia Piazza Verdi Palermo, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. di Palermo su richiesta della locale Procura, nei confronti di un 27enne di origine straniera responsabile di una tentata rapina a mano armata. I militari dell’Arma della Stazione di Villabate (PA) hanno eseguito il fermo di indiziato di delitto di un 29enne del palermitano, accusato di rapina e di quattro tentate rapine due delle quali a mano armata. I due giovani sono stati associati alla casa circondariale

Fermato l’assassino di Bruna

Sarebbe stato individuato e fermato dai Carabinieri del Comando Compagnia di Vittoria (RG) l'uomo che ieri a Vittoria, nel ragusano, avrebbe ucciso a coltellate una donna, conosciuta anche come Bruna, 37 anni, sposata con un operaio che al momento del delitto era al lavoro. La donna era stata accoltellata davanti la sua casa. Non è chiaro in atto il movente

Beneficiario del reddito minimo lavorava in nero come idraulico

Il Commissariato distaccato di Polizia di Stato di Piazza Armerina (EN), ha dato esecuzione alla misura cautelare interdittiva della sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio o servizio per dieci mesi – giusta ordinanza emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Enna a carico di un beneficiario del reddito minimo di inserimento di un Comune della provincia di Enna: attestava falsamente la propria presenza in servizio dopo aver timbrato il proprio badge, per poi allontanarsi svolgere l’attività di idraulico in nero

Arrestati due uomini e una donna responsabili delle spaccate nei negozi

I Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Siracusa hanno arrestato al termine delle indagini, su Ordinanza di Custodia Cautelare, emessa dal GIP del Tribunale di Siracusa su richiesta della locale Procura della Repubblica, 3 soggetti che nelle ultime due settimane avevano preso di mira i commercianti di Siracusa consumando furti con “spaccata” ai danni di diverse attività. Gli arrestati, 2 uomini di 30 anni e una donna di 25 incinta, tutti pregiudicati

Due rapine e quattro tentativi: in carcere 2 giovani

I Carabinieri della Compagnia Piazza Verdi Palermo, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. di Palermo su richiesta della locale Procura, nei confronti di un 27enne di origine straniera responsabile di una tentata rapina a mano armata. I militari dell’Arma della Stazione di Villabate (PA) hanno eseguito il fermo di indiziato di delitto di un 29enne del palermitano, accusato di rapina e di quattro tentate rapine due delle quali a mano armata. I due giovani sono stati associati alla casa circondariale

Fermato l’assassino di Bruna

Sarebbe stato individuato e fermato dai Carabinieri del Comando Compagnia di Vittoria (RG) l'uomo che ieri a Vittoria, nel ragusano, avrebbe ucciso a coltellate una donna, conosciuta anche come Bruna, 37 anni, sposata con un operaio che al momento del delitto era al lavoro. La donna era stata accoltellata davanti la sua casa. Non è chiaro in atto il movente
Total
20
Share