Categorie
Ultime Notizie

Un boato che “svegliò” Ortigia: individuato e arrestato il responsabile dell’ordigno esploso nella notte

UN BOATO CHE “SVEGLIÒ” ORTIGIA. Nei giorni scorsi, gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Siracusa, nell’ambito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siracusa, hanno notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari emesso nei confronti del soggetto ritenuto responsabile del danneggiamento, mediante esplosione di un ordigno rudimentale, perpetrato, nella notte del 6 gennaio 2021, ai danni di un noto bar sito nel cuore di Ortigia. Il “movente”: un banale alterco verbale all’interno del locale, “vendicato” con il collocamento di un ordigno

UN BOATO CHE “SVEGLIÒ” ORTIGIA. Nei giorni scorsi, gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Siracusa, nell’ambito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siracusa, hanno notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari emesso nei confronti del soggetto ritenuto responsabile del danneggiamento, mediante esplosione di un ordigno rudimentale, perpetrato, nella notte del 6 gennaio 2021, ai danni del noto “bar Viola”, sito nel cuore di Ortigia. Le serrate attività investigative esperite hanno consentito di cristallizzare un solido quadro probatorio a carico del trentaduenne siracusano che, secondo le risultanze di indagine, avrebbe collocato, in prossimità del “Bar Viola”, un congegno esplosivo connotato da spiccate potenzialità offensive, tanto da causare la distruzione di parte dell’immobile.

LE INDAGINI

In sintesi, alle ore 1:50 del 6 gennaio 2021, personale del locale U.P.G.S.P. e della Squadra Mobile, intervenne a seguito di decine di segnalazioni per il forte boato che svegliò il centro di Ortigia destando grande allarme nei cittadini. Il personale intervenuto constatò effettivamente, che ignoti avevano collocato e fatto esplodere un ordigno a ridosso di uno degli ingressi del “Bar Viola”. L’esplosione dell’ordigno, verosimilmente un manufatto del tipo bomba carta, mandò in frantumi una delle porte di ingresso del locale, danneggiando, altresì, sia il telaio in metallo che la soglia in marmo, nonché, le pareti ed il soffitto del locale, in più parti scheggiate dalla forza dirompente della detonazione. Nella circostanza, l’esplosione fu così violenta tanto che il personale di polizia scientifica intervenuto, non riuscì a repertare alcun frammento di materiale riconducibile all’ordigno, poiché, completamente distrutto dall’esplosione. Fu solo con l’intervento del Nucleo Artificieri della Questura di Catania che si scoprì la potenzialità lesiva del manufatto, definito: “ordigno avente una spiccata potenzialità offensiva ed il requisito della micidialità”.

Partirono, così, le indagini che, sia grazie alle sommarie informazioni rese dai testimoni, sia grazie alla minuziosa attività di accertamento esperita dagli investigatori sui filmati dei sistemi di videosorveglianza presenti sul luogo teatro dell’evento criminoso, hanno permesso di ricostruire tutte le fasi dell’azione delittuosa.

Assai singolare è il “movente” della vicenda, ricostruito dagli inquirenti. Infatti, più che un atto intimidatorio riconducibile a fattori criminali di tipo estorsivo, l’esplosione del “bar viola” altro non è stata se non una ritorsione scaturita da futili motivi: un banale alterco verbale all’interno del locale, “vendicato” con il collocamento di un ordigno.

Le positive risultanze probatorie sono state compendiate determinando l’A.G. procedente ad emettere “Avviso di conclusione delle indagini preliminari”. All’atto della notifica, avvenuta nella scorsa mattinata presso l’abitazione del trentaduenne siracusano, ivi sottoposto alla misura degli arresti domiciliari per altra causa, gli operatori di polizia hanno scorto il destinatario dell’atto in questione, in possesso di stupefacente di vario tipo, traendolo in arresto ed associandolo alla locale Casa Circondariale a disposizione dell’A.G. procedente.

Adduso Sebastiano

(le altre informazioni regionali le trovi anche su Vivicentro – Redazione Sicilia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Total
1
Share