Categorie
Cronaca

Operazione Banda bassotti, notificati avvisi di conclusione indagini, 7 indagati, 4 già in carcere

PACHINO – OPERAZIONE DENOMINATA BANDA BASSOTTI” – NOTIFICATI AVVISI DI CONCLUSIONE DELLE INDAGINI PRELIMINARI NEI CONFRONTI DI SETTE PERSONE

Nella giornata di ieri, su richiesta della Procura della Repubblica di Siracusa, gli investigatori del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Pachino hanno notificato 7 indagati, l’avviso della conclusione delle indagini preliminari, nell’ambito dell’operazione denominata “Banda Bassotti”, già comunicata da quest’Ufficio il 15 febbraio scorso.

Ce ne siam occupati con l’articolo del 15 Febbraio 2022 “Operazione “Banda bassotti”: 4 arresti per rapine, furti ed estorsioni”.

Si ricorda che il personale del Commissariato di Pachino, in data 14 febbraio u.s., aveva dato esecuzione dell’ordinanza del G.I.P. di Siracusa che disponeva la misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di 4 dei 7 indagati.

L’ordinanza di applicazione della misura cautelare giungeva all’epilogo di una delicata attività investigativa condotta dagli investigatori del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Pachino, a seguito di numerosi eventi delittuosi avvenuti nel territorio di Pachino, Noto, Rosolini e Modica, commessi nel da luglio a settembre 2019 da parte di un gruppo criminale ben organizzato, dedito alla commissione di rapine, furti ed estorsioni.

Nella commissione dei delitti, i malviventi esternavano una particolare pericolosità ed efferatezza con l’utilizzo di armi, come nel caso delle rapine perpetrate presso due supermercati di Rosolini, reati dai quali trae origine l’attività di indagine.

Il gruppo criminale destinatario della presente indagine era composto da 4 soggetti, attualmente detenuti in strutture carcerarie.

Invece, gli altri soggetti, anche loro destinatari dell’avviso della conclusione delle indagini, venivano indagati in stato di libertà per il reato di favoreggiamento personale, in quanto aiutavano i soggetti arrestati ad eludere le investigazioni, nonché anche per i reati di ricettazione e furto.

SIRACUSA – CONTROLLI ALLA MOVIDA – ARRESTATO UN GIOVANE NEI PRESSI DI UN LOCALE VICINO LA STAZIONE

A seguito dei recenti episodi di violenze perpetrate nei pressi di locali abitualmente frequentati da giovani, la Questura di Siracusa ha intensificato i controlli nei pressi delle zone della cosiddetta movida presenti in città.

Nella tarda serata di ieri, trascorsa da poco la mezzanotte, agenti delle Volanti, transitando nei pressi di un locale sito in Via Crispi, nel recente passato teatro di violenze anche nei confronti di Poliziotti intervenuti per sedare una rissa, notavano un gruppo di avventori dal quale cercava di allontanarsi un giovane che, alla vista della Polizia, mostrava un certo nervosismo.

Bloccato e identificato, il giovane siracusano di 20 anni, altri non era che un soggetto noto alle forze di polizia che deve scontare un periodo di detenzione domiciliare per aver perpetrato vari reati contro il patrimonio e la persona.

Tratto in arresto per il reato di evasione il giovane, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente, è tornato a casa per continuare a scontare la pena cui è sottoposto.

PACHINO – ESEGUITA UN’ORDINANZA DI CUSTODIA CAUTELARE NEI CONFRONTI DI UN RAPINATORE

Nella giornata di ieri, agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Pachino (SR) hanno eseguito un’ordinanza che dispone nei confronti di un uomo di 35 anni la misura cautelare degli arresti domiciliari.

L’ordinanza di applicazione della misura cautelare giunge all’epilogo di una delicata attività investigativa, condotta dagli uomini del Commissariato di Pachino che ha consentito di fare luce su due distinte tentate rapine, commesse con il volto travisato e con un coltello.

Detti delitti, posti in essere dall’indagato, venivano perpetrati presso un centro demolizione e in danno di un distributore di carburante.

Gli elementi di prova raccolti nel corso delle indagini hanno evidenziato un quadro accusatorio di assoluta gravità indiziaria in ordine ai fatti contestati che si fonda sulle intense e complesse attività di indagine svolte dagli agenti.

Rilevante nel complesso dell’indagine è stato il tracciamento degli spostamenti dell’indagato, operato attraverso alcune telecamere di videosorveglianza.

SIRACUSA – ESEGUITE DUE ORDINANZE DI CARCERAZIONE

Nella giornata dell’8, agenti della Squadra Mobile della Questura di Siracusa hanno eseguito un’ordinanza di carcerazione, emessa dal Tribunale di Siracusa in aggravamento della precedente misura degli arresti domiciliari, nei confronti di un uomo di 32 anni. Dopo le incombenze di rito, l’arrestato è stato portato nel carcere di Cavadonna.

Inoltre, sempre nel pomeriggio dell’9, gli agenti della Squadra Mobile hanno eseguito l’Ordinanza della Corte di Appello di Catania che ha ripristinato la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un uomo di 33 anni, siracusano, ritenuto responsabile del reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti commesso nel mese di aprile dello scorso anno a Siracusa.

Adduso Sebastiano

(le altre informazioni regionali le trovi anche su Vivicentro – Redazione Sicilia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Total
0
Share